Views
11 months ago

Dicembre 2016

  • Text
  • Jaguar
  • Formula
  • Anni
  • Essere
  • Dopo
  • Strada
  • Gara
  • Auto
  • Ogni
  • Stagione
In questo numero torniamo ai massimi livelli di automobilismo, ma non in modo convenzionale, e così facendo diamo una spinta allo sviluppo dei propulsori elettrici. Presentiamo inoltre la nostra Jaguar I-PACE Concept, un nuovo rivoluzionario modello prenotabile adesso e pronto alla consegna nel 2018.

FORMULA E E-FIGHTER DA

FORMULA E E-FIGHTER DA STRADA SONO RIPOSTE MOLTE ASPETTATIVE SULLA JAGUAR I-TYPE, NONOSTANTE SIA COSÌ GIOVANE. JASON BARLOW DI GQ HA SCOPERTO CHE LA I-TYPE NON SOLO HA IL COMPITO DI RIPORTARE JAGUAR SUL PODIO MA ANCHE DI ISPIRARE UN’INTERA NUOVA GENERAZIONE DI JAGUAR ELETTRICHE, A PARTIRE DALLA I-PACE Jaguar ha creato alcuni dei motori a combustione interna più emozionanti nella storia dell’automobile. Ma l’azienda sta intraprendendo una nuova missione, radicale ed elettrica, e il messaggio non avrebbe potuto essere più chiaro di così, essendosi votata alla Formula E, il campionato mondiale di vetture elettriche in rapida evoluzione. Fanno sul serio. “La Formula E è una serie innovativa con gare competitive e combattute che si svolgono di fronte ad un pubblico su circuiti urbani. Con essa si sviluppano le tecnologie dei veicoli elettrici e si aiuta a cambiare il modo in cui vengono percepite le auto elettriche”, afferma Gerd Mäuser, presidente della scuderia Panasonic Jaguar Racing. “Il processo di elettrificazione è il futuro”, aggiunge Nick Rogers, Jaguar’s Group Engineering Director. James Barclay, Team Director, ha il compito di vincere direttamente la nuova sfida per Jaguar, preparando l’intero team dal punto di vista operativo per ogni gara ed elaborando la strategia. Egli racconta: “Era da tempo che stavamo pensando di ritornare allo sport dei motori ma questa decisione doveva avere delle giuste motivazioni. La Formula E sta per diventare un campionato molto interessante ed è fantastico offrire terreno di prova per la tecnologia dei veicoli elettrici. Desideravamo entrare in campo con un programma di lavoro completo per essere in grado di controllare il nostro destino. Realizzare un programma di autovetture sportive offre ancora molti vantaggi ma questa è un’impresa audace nonché un passo in una tecnologia del tutto nuova. Vogliamo essere leader in questo settore”. A questo scopo il team ha incaricato Williams Advanced Engineering come partner tecnico. In questa audace iniziativa di corse, ritroviamo una manciata di nomi rinomati; sin dagli esordi della serie nel 2014, Williams ha fornito le batterie che spingono tutte le autovetture in pista. Williams, ovviamente, è un’autorità nella Formula 1 e padroneggiare questa scienza ha portato anche a sviluppare competenze tangenziali in altri settori e discipline. La Formula 1 è sostanzialmente una pentola a pressione per la risoluzione dei problemi ogni due per tre; focalizzata su materiali leggeri altamente tecnologici, le ricadute positive sono molteplici. “Williams vuole essere presente nello sport dei motori e noi desideriamo essere presenti nella parte tecnicamente più avanzata e stimolante di esso”, spiega Paul McNamara, direttore tecnico presso Williams Advanced Engineering. “In qualità di organismo ingegneristico, il nostro mantra sono le prestazioni efficienti sotto il profilo energetico e stiamo costruendo batterie ad alto rendimento, ad alta potenza e ad alta capacità di stoccaggio atte all’impiego su strada. La Formula E rappresenta un’eccellente piattaforma per valutare la nuova tecnologia. Un circuito fornisce un sistema di prova molto trasparente e comprensibile e noi possiamo spingerci al limite”. E che circuiti. La scelta delle città per la Formula E, con le tre avvincenti mete di Hong Kong, Marrakesh e New York, nuove nella stagione, oltre al Principato di Monaco, Montreal e tante altre, non è solo una nuova ed esclusiva argomentazione di vendita per intrattenere il pubblico, sottolinea piuttosto la necessità della sostenibilità. La Formula E sa di non poter fare affidamento sulla rete elettrica locale per caricare le macchine e così è stato modificato un generatore diesel di casa Cummins per poter essere ricaricato con un sottoprodotto del biodiesel e della glicerina a base di alghe marine. L’unità, i cavi e il quadro comandi viaggiano nel mondo per mare in tre container FOTO: SPACESUIT, LAT 38 THE JAGUAR

“È UN PASSO IN UNA NUOVA TECNOLOGIA. VOGLIAMO ESSERE LEADER IN QUESTO SETTORE” THE JAGUAR 39

 

JAGUAR

THE JAGUAR

 

La rivista The Jaguar celebra l’arte della performance con articoli esclusivi che stimolano i sensi, dalla guida dinamica al seducente design fino alla tecnologia d’avanguardia.

In questo Nuovo numero di The Jaguar magazine, faremo un tour del Portogallo a bordo della rivoluzionaria Jaguar I-PACE e scopriremo come è nata questa irresistibile auto completamente elettrica, intervistando i principali protagonisti che hanno lavorato alla sua creazione. Resteremo sul tema dell’innovazione tecnologica dando un’occhiata ad una E-TYPE, classica nella forma ma innovativa nell’essenza, ed esploreremo gli ultimi trend dell’intelligenza artificiale e della smart home technology. Entreremo nel mondo delle grandi performance con un’intervista al pilota Nelson Piquet Jr. e alla star del tennis Johanna Konta, e ti porteremo sull’emozionante pista della Jaguar Ice Academy con dei passeggeri d’eccezione.

ARCHIVIO

Ottobre 2018
Novembre 2017
Luglio 2017
Dicembre 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016 Registered Office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF Registered in England No: 1672070


I dati sui consumi forniti sono il risultato di test uffi ciali eseguiti dal produttore in conformità alla legislazione UE.
L'effettivo consumo di carburante di una vettura potrebbe differire da quello ottenuto in questi test e queste cifre hanno un valore puramente comparativo.