Views
2 weeks ago

Ottobre 2018

  • Text
  • Jaguar
  • Elettrica
  • Anni
  • Essere
  • Mondo
  • Vettura
  • Nuova
  • Ricarica
  • Prestazioni
  • Casa
Un eccitante viaggio in Algarve, Portogallo, a bordo di Jaguar I-PACE completamente elettrica | Uno sguardo ravvicinato sulla creazione di Jaguar I-PACE | Reinventare un classico: E-Type Concept Zero | Cinquant’anni dell’iconica berlina XJ | Un’intervista esclusiva con la star del tennis Johanna Konta | Può un supercomputer rivoluzionare l’arte?

MARKE IAN CALLUM

MARKE IAN CALLUM DIRECTOR OF DESIGN “La libertà di creare qualcosa di così differente e il relativo potenziale sono stati incredibilmente elettrizzanti”, così Ian Callum commenta l’inizio dei lavori per I-PACE nel 2014. “Sin dal primo momento, ero certo che sarebbe diventata una vettura dall’aspetto molto diverso, grazie al suo propulsore elettrico. Con una macchina a motore, ci si può arenare a livello di sviluppo e creazione, mentre l’elettrico offre l’opportunità di creare qualcosa di nuovo, liberandoci da questi limiti. Sarebbe stata la numero uno, un concetto innovativo che, per sua stessa natura, avrebbe potuto determinare l’aspetto dei futuri veicoli elettrici, e non solo in casa Jaguar”. Callum e il suo design team seguirono i principi di un design da vettura sportiva a motore centrale che spostava visivamente in avanti la massa di I-PACE. Il risultato è una forma accattivante che trae ispirazione dalla sua supercar prototipo ibrida Jaguar C-X75 del 2010. Callum continua: “Il profilo è chiaramente ben definito, diverso da quello che ci si aspetterebbe da un SUV. Abbiamo voluto evidenziare il fatto che quest’ultimo non deve per forza avere un aspetto statico. I-PACE non dà l’impressione di essere un tipico SUV, il che è positivo, perché non volevo che le persone lo chiudessero in uno specifico cassetto. Volevo creare una vettura caratterizzata da linee naturali, ma allo stesso tempo decise, quasi esagerate, che dessero quel brivido tipico di una Jaguar. Ma il bello di I-PACE è che è stata progettata con la massima onestà. Non è una vettura artificiosa, è molto schietta”. MARIA XIMENA ODIO BATTERY RESEARCH THERMAL ENGINEER Il design di I-PACE rappresenta un importante mutamento per Jaguar, ma è il propulsore elettrico della vettura che sta veramente avviando la rivoluzione dell’azienda. Maria Ximena Odio, Thermal Engineer, ha fatto parte del team Jaguar che ha guidato la carica: il suo compito, per niente facile, è stato quello di garantire che i 36 moduli di batteria di I-PACE, ognuno dei quali contiene 12 celle, lavorino congiuntamente in modo efficace e forniscano la durata necessaria. Ximena Odio spiega: “Abbiamo iniziato a creare qualcosa chiamato modello di batteria elettro-termica. Si tratta sostanzialmente di un modello predittivo da noi utilizzato per sviluppare la strategia essenziale di raffreddamento per le batterie delle macchine. Con esso siamo stati in grado di studiare il modo in cui le celle della batteria avrebbero generato calore e come i moduli lo avrebbero convogliato nel sistema di raffreddamento. È stato necessario effettuare innumerevoli misurazioni per prevedere esattamente come le batterie avrebbero reagito alle più disparate condizioni di guida. Ma il modello ci diede la risposta”. Può sembrare alquanto complicato e lo è veramente. Ma la temperatura delle batterie nel propulsore elettrico di I-PACE è la chiave dell’autonomia, delle prestazioni e del tempo di ricarica della vettura. È stato quindi fondamentale che tutto funzionasse alla perfezione e la ricompensa, a sua volta, è stata grandiosa. “Abbiamo dovuto risolvere molti aspetti durante lo sviluppo del propulsore di I-PACE, ma il sogno di chi studia ingegneria è svolgere un lavoro di questo tipo. Per me, I-PACE è ingegneria pura che prende vita”. E, secondo l’ingegnere, nata in Costa Rica, questo sogno probabilmente continuerà nell’immediato futuro. “Si assisterà a continui cambiamenti a partire da questo momento. Con le batterie siamo solo agli inizi”. 32 THE JAGUAR

“SI ASSISTERÀ A CONTINUI CAMBIAMENTI A PARTIRE DA QUESTO MOMENTO. CON LE BATTERIE SIAMO SOLO AGLI INIZI”. MARIA XIMENA ODIO DATI UFFICIALI CONSUMI JAGUAR I-PACE Autonomia fino a 470 km, consumo di energia elettrica da 22 a 24 kWh/100 km. Emissioni di CO 2 g/km: 0. Dati WLTP. Cifre test uf f iciali UE. Solo a titolo comparativo. Le reali cifre mondiali possono differire. Le cifre di autonomia delle auto elettriche si basano su un veicolo in produzione su un tragitto standardizzato. L’autonomia raggiunta può variare in base al veicolo, alle condizioni della batteria, al tragitto reale, alle condizioni ambientali e allo stile di guida. THE JAGUAR 33

 

JAGUAR

THE JAGUAR

 

La rivista The Jaguar celebra l’arte della performance con articoli esclusivi che stimolano i sensi, dalla guida dinamica al seducente design fino alla tecnologia d’avanguardia.

In questo Nuovo numero di The Jaguar magazine, faremo un tour del Portogallo a bordo della rivoluzionaria Jaguar I-PACE e scopriremo come è nata questa irresistibile auto completamente elettrica, intervistando i principali protagonisti che hanno lavorato alla sua creazione. Resteremo sul tema dell’innovazione tecnologica dando un’occhiata ad una E-TYPE, classica nella forma ma innovativa nell’essenza, ed esploreremo gli ultimi trend dell’intelligenza artificiale e della smart home technology. Entreremo nel mondo delle grandi performance con un’intervista al pilota Nelson Piquet Jr. e alla star del tennis Johanna Konta, e ti porteremo sull’emozionante pista della Jaguar Ice Academy con dei passeggeri d’eccezione.

ARCHIVIO

Ottobre 2018
Novembre 2017
Luglio 2017
Dicembre 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016 Registered Office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF Registered in England No: 1672070


I dati sui consumi forniti sono il risultato di test uffi ciali eseguiti dal produttore in conformità alla legislazione UE.
L'effettivo consumo di carburante di una vettura potrebbe differire da quello ottenuto in questi test e queste cifre hanno un valore puramente comparativo.