Views
1 year ago

THE JAGUAR #05

  • Text
  • Jaguar
  • Vettura
  • Essere
  • Strada
  • Guida
  • Fatto
  • Anni
  • Mondo
  • Gare
  • Motore
Scopri un lato diverso di Eva Green | Il tuo prossimo taxi sarà una Jaguar I-PACE a guida autonoma? | Come si batte il record al Nürburgring Nordschleife | La prima serie al mondo di corse internazionali per auto elettriche in produzione | L’ultima special edition XE e XF: la 300 SPORT vista da vicino

QUELLI CHE INFRANGONO I

QUELLI CHE INFRANGONO I RECORD Che successo! Peter fa volare la V20E a 142 km/h, stabilendo un nuovo record mondiale di velocità per imbarcazioni elettriche dovuto equilibrare il peso, mantenerlo aerodinamico e assicurarci che tutto fosse sicuro e conforme alle norme; era necessario che l’imbarcazione fosse integra. Niente di tutto ciò era una scienza esatta; la maggior parte delle cose non era mai stata sperimentata fino a quel momento”. Un altro aspetto fu quello di trovare distese d’acqua sufficientemente lunghe per mantenere in funzione i sistemi per il tempo necessario, a conferma che il sistema di raffreddamento fosse in grado di gestire l’enorme calore da disperdere. Le componenti si guastarono e si impararono diverse lezioni. Ma con l’accelerazione della curva di apprendimento, i dati sulle prestazioni iniziarono a migliorare esponenzialmente e le squadre iniziarono a credere nella possibilità di poter infrangere il record. Nel frattempo si presentò un’altra sfida da superare: Lake District ha severi regolamenti che limitano la velocità delle imbarcazioni a 16 km/h e ci vogliono molti mesi per avviare la marea di pratiche necessarie per ottenere un permesso speciale e tentare di infrangere il record di velocità. Anche l’aspetto logistico non fu da sottovalutare: un’impresa del genere richiede cronometristi, squadre preposte alla sicurezza e altri ufficiali di gara. Ma alla fine, permessi necessari alla mano, tutto era pronto. Le previsioni del tempo erano buone e tutte le persone coinvolte non vedevano l’ora di iniziare. Un banco di nebbia svanì infine e in modo teatrale come un sipario sul palcoscenico, facendo comparire magicamente le acque immobili di Coniston Water circondate dalle colline. Peter si cala nello stretto abitacolo e la V20E viene spinta gentilmente vicino al molo. In un’atmosfera di silenzio assoluto, ad eccezione del movimento delle acque, l’imbarcazione, che assomiglia a una freccia, si allontana accelerando, prima lentamente, poi guadagnando rapidamente velocità, con un ronzio generato dalla trasmissione che risuona sul lago, fino a diventare una coda bianca che si allontana all’orizzonte. IL SOLE È ALLO ZENIT, POI INIZIA A SCENDERE. DOPODICHÉ È IL TRIONFO Mentre io sorseggio un cappuccino, sull’acqua cresce l’adrenalina di Peter. Tutti i movimenti sono precisi e studiati, i dati valutati; gli addetti alla sicurezza e i tecnici parlano via radio: è ora di girare. Il ritorno viene fatto entro un tempo prestabilito, e viene calcolata la velocità di corsa media. Da pilota esperto e preparato a infrangere record, Peter ha la giusta predisposizione mentale e riduce tutto a piccole e semplici azioni. La linea che separa il successo dal fallimento è molto sottile. Rimane quindi nell’abitacolo e si prepara mentalmente, anche quando si connettono i computer e le parti vengono controllate, regolate e modificate o sostituite tra i vari giri. Ha la possibilità di sgranchirsi le gambe solo quando l’imbarcazione viene tirata fuori dall’acqua per ricaricare la batteria. Il sole è allo zenit, poi inizia a scendere. Dopodiché è il trionfo. Un giro nel pomeriggio fa registrare una media di andata e ritorno di 136 km/h, record infranto. Tre giri dopo, Peter e la sua squadra spingono la V20E su tutto il tragitto a 142 km/h e, al termine delle sessioni permesse, viene stabilito il nuovo record mondiale*. “La mia prima reazione? Di sollievo!”, sorride Peter. “Sollievo per il fatto che i 15 mesi di sforzi di tutte le persone coinvolte abbiano dato i loro frutti. E poi, entusiasmo per il futuro. Posso dirvi già oggi che questo record non durerà a lungo, abbiamo grandi progetti”. *Record realizzato al momento di andare in stampa 68 THE JAGUAR

e:///Users/sebastians/Downloads/Exp_IceAcademy_AmyShore_Vehicles_F-Type_0496.JPG file:///Users/sebastians/Downloads/ p_IceAcademy_AmyShore_Vehicles_F-Type_0496.JPG ICE ACADEMY SWEDEN ESPERIENZE CHE DIVENTANO EMOZIONI Jaguar Land Rover Ice Academy ti dà la possibilità di guidare le nostre ultime auto su piste ghiacciate create appositamente per vivere un’esperienza unica. Prova le prestazioni straordinarie di Jaguar F-TYPE e Jaguar F-PACE, e non perdere l’occasione di farti stupire da Nuova Jaguar I-PACE 100% elettrica. jaguar.it/IceAcademy Consumi Ciclo Combinato da 7,9 a 11,3 l/100 km. Emissioni CO 2 da 179 a 257 g/km.

 

JAGUAR

THE JAGUAR

 

La rivista The Jaguar celebra l’arte della performance con articoli esclusivi che stimolano i sensi, dalla guida dinamica al seducente design fino alla tecnologia d’avanguardia.

Creatività e innovazione sono il cuore di tutto ciò che facciamo in Jaguar e questo nuovo numero è ricco di storie di persone, provenienti da tutto il mondo, che sono fonte d’ispirazione: designer, inventori e liberi pensatori. Inoltre, non manca l’azione motoristica. Goditi il suono del silenzio con l'I-PACE che esplora la Finlandia, rivivi la gloria della leggendaria XJ220, scopri l'eleganza senza tempo della XJ del 1978 e molto altro.

ARCHIVIO

THE JAGUAR #06
THE JAGUAR #05
THE JAGUAR #04
THE JAGUAR #03
THE JAGUAR #02
THE JAGUAR #01

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016 Registered Office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF Registered in England No: 1672070


I dati sui consumi forniti sono il risultato di test uffi ciali eseguiti dal produttore in conformità alla legislazione UE.
L'effettivo consumo di carburante di una vettura potrebbe differire da quello ottenuto in questi test e queste cifre hanno un valore puramente comparativo.