Views
10 months ago

THE JAGUAR #06

Spesso provocatorio, sempre creativo: incontra il grafico Stefan Sagmeister | Gli scultori britannici del legno donano una nuova dimensione ad un’arte secolare | Lasciati deliziare dalle prelibatezze stellate Michelin di Paul Pairet a Shanghai | Scopri in che modo Iris van Herpen sta ridefinendo la tecnologia della moda | Fai un viaggio nel tempo a Seoul, una città proiettata nel futuro

“ MI PIACE L’IDEA DI

“ MI PIACE L’IDEA DI DEDICARMI A UN SOLO MATERIALE, ANCHE SE NON É INDULGENTE” Nella foto sopra: Le eteree sculture in legno di Eleanor Lakelin. A destra: Sebastian Cox crea paralumi ‘fungo’ esclusivi alla base. La ceduazione è una tecnica antica per curare i boschi, ma oggi il prodotto ha un valore limitato. Quindi, ha creato una collezione di moderni arredi con le caratteristiche naturali del nocciolo ceduato, combinando design e artigianalità e un materiale che molti userebbero solo per farne stecche da orto. É stato proprio il lavoro di Cox nella ceduazione che lo ha portato a interessarsi a un materiale piuttosto insolito. In una piccola stanza priva di finestre più simile a una struttura per stoccaggio biologico che all’atelier di un ebanista, Cox coltiva paralumi.. ..dai funghi. "Con la ceduazione, si taglia tutto", spiega. "E molti scarti servono solo come legna da ardere. Quindi li cippiamo e li inoculiamo con il micelio che cresce nutrendosi dei trucioli. Quando sono pronti li compattiamo in stampi”. Il risultato è un materiale di una consistenza tipo pelle scamosciata e un aspetto vellutato simile a un oggetto in legno e tessuto, creato al tornio. È economico, leggero e resistente e per Cox è un degno sostituto per gli imballi in polistirolo. La consapevolezza delle potenzialità dei materiali e come utilizzarli è una caratteristica del lavoro di Cox e della filosofia di questo movimento di designer-artigiani-artisti. Non si lasciamo scoraggiare dai limiti dei materiali e preferiscono invece farne un degno utilizzo. La carriera della Lakelin come artista è iniziata con un pezzo di ippocastano, il materiale che ora usa abitualmente. "Ero un’ebanista", racconta, "e sapevo che ogni albero ha proprietà differenti, non importa la specie". Quindi si è addentrata nei boschi e i nodi caotici e “ribelli” le hanno rubato il cuore. "Mi piace l'idea di dedicarmi a un solo materiale", spiega, anche se "non è indulgente. Si rompe facilmente ed è difficile da lavorare. Mi piace proprio per quello”. Ogni pezzo "richiede mesi", perché bisogna rimuovere corteccia e legno millimetro FOTO: ALUN CALLENDER, GLENLIVET, PETR KREJCI 34 THE JAGUAR

ARTE per millimetro, per separarli dai nodi sottostanti. È una procedura al tornio laboriosa in cui la tecnica fa la differenza. E nel caso del designer-ebanista Tom Raffield è una tecnica che ne ha definito lo stile: la curvatura del legno a vapore. La curvatura a vapore risale alla preistoria: il legno viene riscaldato a vapore, quindi piegato per ottenere la forma richiesta. I lampadari curvilinei e avvolgenti, le linee degli arredi di Raffield rispecchiano il meglio del design della metà del secolo. Eppure fino a poco tempo fa la curvatura a vapore era fuori moda. "Penso che fosse stata “soppiantata” dalla laminazione, che però spesso è in serie, usa parecchia colla e produce molti scarti e rifiuti”, spiega. La curvatura a vapore ha iniziato a diffondersi solo nel XXI secolo. "É l’esperienza più coinvolgente che abbia mai fatto. Senza limiti. Sono ben poche le cose che non puoi fare. È un modo per trasporre un disegno sul legno e riflette il fatto che in natura non esistono linee rette". Quindi, Raffield ha utilizzato legno di frassino curvato a vapore, un materiale usato raramente nell’edilizia, per la sua casa nel Devon. Il risultato sorprendente e ben riuscito: un sinuoso rivestimento che ricopre la struttura in pietra del cottage del XIX secolo. Questo movimento si distingue per la capacità di combinare tradizionale e contemporaneo. E, secondo Raffield, è la base dell'antiquariato del futuro, oggetti che dureranno nei secoli. "Vogliamo creare pezzi senza tempo, che durino", dice Raffield. "È un modo per ricordare come usavamo i prodotti. Possiamo riparare pezzi e instaurare un rapporto con i clienti, mentre loro lo instaurano con il prodotto. Crediamo che creare un oggetto di alta qualità sia la scelta più sostenibile che si possa fare".

 

JAGUAR

THE JAGUAR

 

La rivista The Jaguar celebra l’arte della performance con articoli esclusivi che stimolano i sensi, dalla guida dinamica al seducente design fino alla tecnologia d’avanguardia.

Creatività e innovazione sono il cuore di tutto ciò che facciamo in Jaguar e questo nuovo numero è ricco di storie di persone, provenienti da tutto il mondo, che sono fonte d’ispirazione: designer, inventori e liberi pensatori. Inoltre, non manca l’azione motoristica. Goditi il suono del silenzio con l'I-PACE che esplora la Finlandia, rivivi la gloria della leggendaria XJ220, scopri l'eleganza senza tempo della XJ del 1978 e molto altro.

ARCHIVIO

THE JAGUAR #06
THE JAGUAR #05
THE JAGUAR #04
THE JAGUAR #03
THE JAGUAR #02
THE JAGUAR #01

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016 Registered Office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF Registered in England No: 1672070


I dati sui consumi forniti sono il risultato di test uffi ciali eseguiti dal produttore in conformità alla legislazione UE.
L'effettivo consumo di carburante di una vettura potrebbe differire da quello ottenuto in questi test e queste cifre hanno un valore puramente comparativo.