Views
11 months ago

THE JAGUAR #06

Spesso provocatorio, sempre creativo: incontra il grafico Stefan Sagmeister | Gli scultori britannici del legno donano una nuova dimensione ad un’arte secolare | Lasciati deliziare dalle prelibatezze stellate Michelin di Paul Pairet a Shanghai | Scopri in che modo Iris van Herpen sta ridefinendo la tecnologia della moda | Fai un viaggio nel tempo a Seoul, una città proiettata nel futuro

ROAD TEST ono passati

ROAD TEST ono passati davvero 25 anni? Sembrano trascorsi solo sei mesi da quando ho ritirato la prima Jaguar XJ220 e scorrazzato per due giorni su strade e piste, per condurre quello che ad oggi resta, almeno per quanto io sappia, l'unico test su strada completo e documentato dell'allora auto più veloce al mondo. Resettalo. Nel 1993,la XJ220 è stata l'auto più veloce al mondo con uno scarto di oltre un chilometro. Mentre rivali come la 959 della Porsche e la F40 della Ferrari miravano a raggiungere e, nel caso della seconda ad abbattere la barriera dei 300 km/h, la XJ220 fu la prima auto per cui quella velocità, allora impensabile, fu solo un altro numero sul quadrante. Nel Guinness Book of Records la velocità massima registrata è di 350 km/h. "Hypercar" è un termine usato diffusamente oggi, ma pochi sanno che tutto è iniziato qui. Quando ho potuto finalmente guidarla erano passati cinque dalla sua presentazione come 'concept' al British International Motor Show 1988, nella versione con un potente motore V12 da 6,2 litri e trasmissione integrale. Ne dovevano essere costruite solo 350 ma, con l'economia globale in espansione, i contratti firmati superavano di quattro volte l'offerta. Quando la XJ220 fu pronta per la vendita, però, il mercato in rialzo era stato ormai rimpiazzato dalla recessione. Chi aveva versato un deposito, si trincerò dietro la scusa che l’auto ora aveva un motore V6 da 3,5 litri e la sola trazione posteriore. Ne furono costruite solo 277, quindi oggi è un’auto rarissima, persino più rara delle sue rivali già citate. "Uno dei motivi per cui ritengo che siano ancora sottovalutate", dice Paul Hegarty, a capo di Jaguar Classic Works e che sta reintroducendo la XJ220 per una nuova generazione di intenditori. "Le buone auto ora “cambiano di mano” a oltre 550.000 euro. Ma se si considera ciò che ha da offrire, la sua rarità, e i prezzi delle sue rivali, sono sicuro che ha parecchi assi nella manica". L’auto prometteva di essere rivoluzionaria: una silhouette originale ed esclusiva e le prestazioni più audaci mai offerte da un’auto da strada. Un'auto che non si rifaceva a nessun concept precedente, ma una creazione su misura basata su una struttura a nido d'ape in alluminio, più simile a una sorta di caccia di qualsiasi altro mezzo con targa in cui potresti Guidata da un pilota professionista su una pista chiusa. Non per principianti. 70 THE JAGUAR

CLASSICI Andrew Frankel, 1 metro e 80, si accomoda nell’abitacolo compatto (e molto analogico) della Jaguar XJ220, prima di dare all’hypercar “troppa corda” per risvegliare bei ricordi “ DATA LA SOLENNITÀ DEL MOMENTO, NON SO SE LA JAGUAR XJ220 SIA ANCORA IMBATTUTA” imbatterti. La casa automobilistica aveva già vinto la più prestigiosa gara al mondo, la 24 Ore di Le Mans, sette volte e avrebbe trionfato ancora con un giovane David Coulthard alla guida, se non fosse stata esclusa per i più cavillosi tecnicismi. Il suo stile resta comunque indiscusso. Una XJ220 da sola in un parcheggio è una vista straordinaria in cui indulgere con pazienza e da varie distanze e angolazioni. Non è un’auto pratica: vano bagagli quasi nullo, raggio di apertura delle porte limitato e, se sei molto alto, all'interno è “fasciante”. Ma data la solennità del momento, non so se sia ancora imbattuta. Il motore biturbo ruggisce con quel suo tono superbamente sgraziato che mi è familiare. Magari non è la sinfonia V12 in cui qualcuno aveva sperato, ma è un vero motore da corsa e trasuda prestazioni. Qui tutto è fisico: frizione, cambio e sterzo richiedono tutti “la mano pesante”. É normale, in una macchina come questa un pò di fatica è d’obbligo. Anche l’assenza di ABS, controllo della trazione o altro sistema di sicurezza sembra perfetta. Si tratta solo di un uomo e una macchina brutalmente veloce contro il mondo. É ancora in piena forma. Prende velocità a un ritmo maniacale e l'ago si beve i numeri così rapidamente che fai

 

JAGUAR

THE JAGUAR

 

La rivista The Jaguar celebra l’arte della performance con articoli esclusivi che stimolano i sensi, dalla guida dinamica al seducente design fino alla tecnologia d’avanguardia.

Creatività e innovazione sono il cuore di tutto ciò che facciamo in Jaguar e questo nuovo numero è ricco di storie di persone, provenienti da tutto il mondo, che sono fonte d’ispirazione: designer, inventori e liberi pensatori. Inoltre, non manca l’azione motoristica. Goditi il suono del silenzio con l'I-PACE che esplora la Finlandia, rivivi la gloria della leggendaria XJ220, scopri l'eleganza senza tempo della XJ del 1978 e molto altro.

ARCHIVIO

THE JAGUAR #06
THE JAGUAR #05
THE JAGUAR #04
THE JAGUAR #03
THE JAGUAR #02
THE JAGUAR #01

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016

© JAGUAR LAND ROVER LIMITED 2016 Registered Office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF Registered in England No: 1672070


I dati sui consumi forniti sono il risultato di test uffi ciali eseguiti dal produttore in conformità alla legislazione UE.
L'effettivo consumo di carburante di una vettura potrebbe differire da quello ottenuto in questi test e queste cifre hanno un valore puramente comparativo.